La dieta a zone

June 06, 2018

The Zone-diet

“Il cibo è il più potente farmaco che abbiamo a disposizione e dobbiamo assumerlo come se fosse tale, in modo controllato e nelle giuste proporzioni” dice il Dott. Barry Sears, “inventore” della dieta a zone.

Ma cerchiamo di capire meglio: cosa si intende esattamente per “zona”? La zona è lo stato metabolico in cui l’organismo lavora al picco massimo della sua efficienza e che consentirebbe: un miglior controllo del rapporto carboidrati / proteine, una concentrazione ottimale dei livelli di insulina e una concentrazione ottimale di eicosanoidi buoni (agenti biologici che regolano moltissime funzioni organiche). Questo consentirebbe di costruire massa magra, bruciare i grassi, avere la massima efficienza durante le prestazioni fisiche, avere energia e non avere attacchi di fame.

Il rapporto risulta infatti essere suddiviso nelle seguenti proporzioni di macronutrienti da assumere nel corso della giornata in 3 pasti completi e 2 spuntini:
40 % di carboidrati a basso indice glicemico che non scatenino il rilascio di insulina. I concessi sono: le verdure (a parte le carote) e la frutta (a parte le banane e l’uva passa).

Quelli vietati sono: i cereali e i tuberi.
30 % di proteine, via libera a pesce, carni bianche, struzzo, albume, formaggi magri e speck, mentre sono da evitare le carni rosse, i tuorli, le salsicce e le frattaglie.
30 % di lipidi, meglio i monoinsaturi e quindi si all’olio d’oliva, alle olive e alla frutta in guscio, mentre sono da evitare gli acidi grassi saturi come quelli contenuti nella carne rossa, il latte intero, il burro ecc. 

Le regole da seguire sono le seguenti:
in ogni pasto deve esserci un rapporto di macronutrienti 40 – 30-30 in Kcal
non devono mai passare più di 5 ore tra un pasto e l’altro evitando dolci, pane, pasta riso e cereali ad alto indice glicemico mentre bisognerebbe prediligere verdura a frutta ad alto indice glicemico
fare uno spuntino prima di dormire qualora fossero passate più di 2 h dalla cena
ogni pasto principale non deve essere maggiore di 500 Kcal
ogni spuntino non deve essere maggiore di 100 Kcal 

L'introduzione nella dieta di proteine derivate da insetti è consigliata. Essendo questo un regime alimentare tendenzialmente iperproteico, ed essendo gli insetti molto ricchi di questo macronutriente, è possibile includerli nei pasti in sostituzione o ad integrazione delle altre fonti proteiche precedentemente citate.





Interessanti nel Blog

Chitin: Debunking the Myths and Embracing a Nutritious Ingredient
Chitina: fake news su un nutriente prezioso

February 06, 2024

La chitina, un polisaccaride presente naturalmente negli esoscheletri di crostacei, insetti e alcuni funghi, ha da sempre affascinato sia gli scienziati che gli appassionati di cucina. Sebbene il suo potenziale come fonte alimentare sostenibile e nutriente sia riconosciuto da decenni, preoccupazioni sulla sua sicurezza e digeribilità ne hanno limitato l'adozione diffusa. Tuttavia, negli ultimi anni, la ricerca scientifica ha fatto luce sulle proprietà della chitina, smentendo molti dei miti che circondano questo ingrediente unico.

Continua a leggere

Reconsidering our diet for a sustainable future
Dobbiamo cambiare abitudini alimentari per un futuro più sostenibile

January 22, 2024

Esplora il motivo per cui dovremmo tutti riconsiderare la nostra dieta in un mondo in crescita demografica e le implicazioni ambientali del consumo di proteine animali. Scopri come scelte consapevoli possono contribuire a un futuro sostenibile.

Continua a leggere

Why we stopped eating insects in Europe (and why we should start doing it again)
Perché abbiamo smesso di mangiare insetti in Europa (e perché dovremmo ricominciare)

January 10, 2024

Continua a leggere